La tecnica nelle ricerche, vite salvate e risorse risparmiate


Quarto Grado - Puntata 11 Settembre 2020


TG5 23 agosto 2020 ore 20.00




Caso Parisi, criminologa Volpini: No omicidio suicidio, Viviana forse senza farmaci


Roma, 19 ago. (LaPresse) - "Non si tratta di omicidio-suicidio" perché la morte è avvenuta a seguito di un imprevisto, l'incidente stradale, e il comportamento della donna successivamente era disorganizzato, sintomo di una condizione di allucinazione o disequilibrio". Lo dice a LaPresse la criminologa Laura Volpini - psicologa giuridica e forense che ha seguito i casi di via Poma e Serena Mollicone - commentando il caso di Viviana Parisi e di suo figlio Gioele Mondello, trovato oggi dopo 16 giorni di ricerche. "Da quanto sappiamo ritengo più plausibile una fatalità, a fronte di una condizione di forte disagio mentale" spiega. "Viviana non aveva l'obiettivo di uccidere il bambino piuttosto voleva arrivare alla piramide della Luce - aggiunge - Non si può stabilire se Viviana avesse deciso di andare già quando era a casa o se lo abbia deciso in corsa... Resta il fatto che la donna aveva una patologia grave e in quel momento uno stato mentale alterato. La domanda è se la signora si fosse fatta seguire a livello psichiatrico e se fosse sotto cura farmacologica". Dai comportamenti che ha avuto la dj piemontese, spiega Volpini "è più plausibile che l'incidente abbia scombinato i suoi piani, che comunque in preda a una crisi mistica si sia avventurata a piedi e che sia stata aggredita dagli animali selvatici". Un comportamento, conclude, "spiegato solo dal fatto che probabilmente non stesse assumendo alcun farmaco oppure non stesse seguendo la prescrizione medica".




Featured Posts
Recent Posts